Questo è il tuo spazio puoi scrivere ciò che vuoi e poi ritrovarlo al ritorno su questo sito

testimonianze cristiane, storia della chiesa cattolica, teologia, esegesi, aborto, famiglia, battaglia per la vita

Iehu (841-813 a.C.)

Re del Regno del Nord. Unto dal profeta Eliseo, Iehu soppresse la dinastia di Acab, ristabilendo il culto di Iahvè (II Re 9, 1-37). La pulizia di Iehu travolse Ioram, re di Israele, che tante energie aveva speso nella difesa da Hazael re del confinante Aram, e Acazia, nipote di Ioram e re di Giuda. Inutile ricordare che il colpo di stato di Iehu provocò un forte indebolimento politico di entrambi i regni. Jehu uccise Ioram e diventò nuovo sovrano eliminò nel sangue la casa di Acab, e la stessa madre, Gezabele, fu gettata dalla finestra. Mentre la figlia di Gezabele, Atalia, che aveva sposato il re del regno del Sud, portò il culto di Ball anche al regno del Sud. Dopo la morte del marito, Atalia uccise tutti i membri della famiglia reale e regnò per sei anni (842-836 a.C.). Ma ci fu una sommossa cui parteciparono soprattutto gruppi di sacerdoti che non erano d’accordo con la politica religiosa di Atalia. Non si poteva accettare una donna come re e che inoltre incoraggia culti stranieri. Divenne re quindi Joas, l’unico che era scampato allo sterminio di Atalia.

Iehu, padrone in casa, era inerme di fronte al colosso assiro che impose pesanti dazi agli ebrei. Nel celeberrimo obelisco nero di Salmanassar III, conservato al British Museum, ci sono cinque registri scolpiti, rappresentanti il tributo al monarca assiro da differenti paesi. Apposta al secondo registro vi è un’iscrizione che suona: «Tributo di Jehu, figlio di Omri, io ho ricevuto». George Smith, primo interprete della saga di Gilgamesh, dimostrò che questo Jehu era proprio lo Iehu della Bibbia. Infatti, nella Collezione Kouyunjik, egli scoprì un altro documento, col resoconto della guerra fra Assiria e Siria (ovvero l'Aram, confinante col regno di Israele, e terra degli aramei) che confermava i tributi di Hazael e Iehu ricevuti da Salmanassar III (858-824 a.C.) nel diciottesimo anno del suo regno. Quali erano i tributi di Israele al sovrano di Assiria? Sono elencati nell’iscrizione dell'obelisco nero: oro, argento, oggetti preziosi, stagno e armi. La debolezza politica della nazione ebraica coincise con l’affermarsi della monarchia assira.